Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cittadinanza

 

Cittadinanza

Riconoscimento “iure sanguinis”

La cittadinanza italiana si basa sul principio dello “iure sanguinis” (diritto di sangue), per il quale il figlio nato da padre italiano o da madre italiana è italiano; tuttavia è da tener presente che la madre cittadina solo trasmette la cittadinanza ai figli nati a partire dal 1º gennaio 1948, data dell'entrata in vigore della Costituzione.

Attualmente, la cittadinanza italiana è regolata dalla legge n. 91 del 5.12.1992 che, a differenza della legge precedente, rivaluta il peso della volontà individuale nell’acquisto e nella perdita della cittadinanza e riconosce il diritto ad avere più cittadinanze, fatte salve le diverse disposizioni previste da accordi internazionali.

Le modalità del procedimento di riconoscimento del possesso “iure sanguinis” della cittadinanza italiana, sono state puntualmente formalizzate nella circolare n. K.28.1 dell’8 aprile 1991 del Ministero dell’Interno, la cui validità giuridica non risulta intaccata dalla successiva entrata in vigore della legge n. 91/1992.

L’autorità competente ad effettuare l’accertamento è determinata in base al luogo di residenza: per i residenti all’estero è l’Ufficio consolare territorialmente competente. L’istanza di ricostruzione deve essere presentata presso il Consolato italiano competente territorialmente per il luogo di residenza del richiedente. Secondo il Codice Civile italiano la residenza è il luogo dove la persona ha la sua dimora abituale.

La circoscrizione consolare di questo Consolato Generale comprende le province di Santa Fe, Entre Ríos, Corrientes, Misiones, Formosa, Chaco e nord della provincia di Buenos Aires (partidos di Pergamino, Arrecifes, Carmen de Areco, Capitán Sarmiento, Colón, Ramallo, Rojas, Salto e San Nicolás). Chi risiede in altre province dell’Argentina dovrà consultare l’ufficio consolare territorialmente competente cliccando qui.

Qualora l’interessato abbia invece deciso di stabilire la propria residenza in Italia, la competenza ad effettuare il riconoscimento della cittadinanza italiana è in capo al Sindaco del Comune di residenza cliccare qui.

 

Acquisto di cittadinanza “iure matrimoni”

 


24